recension

 
 

AORARCHIVIA

TORNA ALL'INDICE

HELEN HOFFNER

 

 

  • WILD ABOUT NOTHING (1993)

Etichetta:Magnet Reperibilità:discreta

 

Che cosa è, precisamente, una lost gem? L’espressione viene usata in genere per etichettare un album di grande valore che: 1) pur pubblicato da una major oppure da una indipendente di buoni mezzi, non ha avuto successo; 2) è rimasto in un cassetto e magari è uscito anni e anni dopo la sua incisione. Quello che accomuna le lost gem, però, è il fatto che sono tutt’altro che “perdute”, ossia che tra i fan del particolare genere musicale a cui appartiene l’album sono – paradossalmente, si potrebbe sottolineare –  sempre più o meno note. Pensiamo al primo album degli Aviator: all’epoca vendette forse cinque copie ma quale appassionato di AOR, oggi, non lo conosce e (giustamente) lo venera? C’è però un livello ulteriore da considerare, quello degli album che non solo non ebbero successo, ma dal popolo dell’AOR sono inspiegabilmente ignorati o, meglio, non riconosciuti non tanto come lost gem ma proprio come prodotti discografici del nostro genere. Questo esordio di Helen Hoffner è un perfetto rappresentante della categoria. Uscì nel 1993 per un’importante label inglese, ricevette una discreta promozione ma fuori dal circuito del rock melodico (che in quel torno d’anni, come ben sappiamo, boccheggiava, prossimo all’estinzione), fu un flop totale ed è attualmente reperibile sul mercato dell’usato in quantità e a prezzo vile, ma nessuno l’ha inserito su heavyharmonies, nessuno lo cita o ne parla: non perché venga giudicato una ciofeca (su heavyharmonies, ovviamente, vengono iscritte anche le ciofeche) ma perché nessuno – pare – sa che l’unico album di Helen Hoffner non soltanto è un album di rock melodico, ma è un eccellente album di rock melodico. Una lost gem al quadrato, in definitiva. Se poi mi chiedeste il motivo che potrebbe aver tenuto il popolo dell’AOR lontano da ‘Wild About Nothing’, potrei azzardare il fatto che miss Hoffner è britannica, veniva da un paio di band pop (prima The Astronauts, poi The Marines, che fece da supporto in un tour di Kylie Minogue) e l’album venne prodotto da Hugh Padgham, che ha sempre lavorato con artisti new wave, pop e rock mainstream e con l’AOR non aveva mai avuto a che fare prima di questo disco. Ovviamente, come tutti i grandi produttori, Padgham è perfettamente in grado non solo di lavorare su qualunque genere musicale ma – se l’artista collabora – di ottenere un prodotto superiore alla media, e considerato che la pattuglia degli esecutori era già di per sé fenomenale (Pino Palladino e Vinnie Colaiuta come sezione ritmica, Dominic Miller alla chitarra, Bob Marlette – anche songwriter – e Michael Scherchen alle tastiere), la collaborazione da parte di Helen non avrebbe dovuto essere esorbitante per giungere ad una raccolta di canzoni di buona caratura. E la nostra Helen faceva molto bene la sua parte, mettendo in mostra una bella voce strascicata e con un piacevole velo rauco, sexy e piccante, che faceva pensare quasi ad una versione al femminile di Bryan Adams.

La title track inaugura l’album con un bell’AOR nello stesso tempo deciso e levigato, mentre “Summer of Love” (primo ed unico singolo estratto, abbinato all’inevitabile videoclip che potete vedere su YouTube) è una ballad dalla grande estensione melodica: buone canzoni, ma con “Sacrifice” si sale decisamente più in alto, big sound di grande suggestione fra tastiere variopinte e chitarre western in sordina, e ancora più su vola “Holy River”, con il suo atmospheric power in crescendo scandito dal ritmo sensuale del basso. Scatenata, molto elettrica (e anche molto Bryan Adams) è “Is There Anybody Out There?” e ben riuscita la cover del classico di Lou Reed “Perfect Day”, impostata su un denso arrangiamento di tastiere e tramata di begli scoppi d’energia. La freschezza stile John Waite di “Lovers Come, Lovers Go” precede l’FM rock “Whispers In The Wind”, mentre “Papa’s Car” ritorna dalle parti di Bryan Adams, elettrica e anthemica con un refrain che è puro arena rock. “Say A Prayer” è una ballad dalle sfumature bluesy e soul, “This is The Last Time” allarga un po’ il discorso all’heartland rock e “Edge Of A Dream” chiude le danze con una power ballad dal gran crescendo.

Ho bisogno di specificare che la produzione è sontuosa e la qualità audio superba? E che al prezzo a cui lo vendono tra eBay e Amazon è praticamente regalato?

 

AORARCHIVIA

TORNA ALL'INDICE

ROBERT HART

 

 

  • ROBERT HART (1992)

Etichetta:Hollywood Records Reperibilità:scarsa

 

L’ultimo album di Robert Hart, ‘Pure’, l’ho recensito sul numero di aprile scorso di Classic Rock, e confermo qui quanto ho scritto mesi fa: un album superbo, tra gli highlight di questo disgraziatissimo 2020 nell’ambito del più puro AOR anni ’80. Ed è un peccato che Hart non abbia curato maggiormente la sua produzione solista: ad oggi annovera appena tre titoli, con questo ‘Robert Hart’ che si contende la palma di top album con il recentissimo e (lo sottolineo ancora una volta) eccellente ‘Pure’ (che però – debbo sottolineare anche questo, e non per la prima volta – è uscito per la Escape, label che ha adottato da tempo strategie promozionali sciagurate e al limite del suicidio). Sul disco uscito da poco sono stati Tommy Denander e Steve Overland a dirigere le operazioni, mentre nell’ormai lontano 1992, chi assistè Robert Hart fu niente meno che Russ Ballard, producendo, scrivendo otto canzoni su dieci con il cantante e suonando chitarre (con, fra gli altri, Dave Colwell, ex A.S.A.P. e Samson e futuro Bad Company)  e tastiere.

Si parte benissimo con “Heart And Soul”, che bilancia alla perfezione Bryan Adams e i Tyketto, mentre “Angel” è una ballad gloriosa tutta acustiche e tastiere, caratterizzata da un lento crescendo. “Ridin’ On The Wind”, drammatica e intensa, parte dall’atmospheric power diventando elettrica e potente, seguita da un’altra ballad, “I Don’t Want To Be Here When You’re Gone”, che ha un inizio quasi sommesso, incendiandosi nella seconda parte. “Boys On The Corner” fu il singolo scelto per lanciare il disco e non fu una buona scelta, dato che inclina decisamente sul country, con un refrain degno di Huey Lewis: non rappresenta affatto i contenuti dell’album e suona del tutto fuori luogo nel contesto AOR di ‘Robert Hart’. “Fooled Around And Fell In Love” (cover di Elvin Bishop) e “Someone To Watch Over Me” virano verso il soul blues, più robusta la prima, più lenta ma con begli scoppi d’energia e una sezione fiati la seconda. L’AOR hard edged “Better Than The Rest” rimanda ai Foreigner (corretti con uno spruzzo di Bryan Adams, magari), e sulla stessa scia segue “Running Man” (qui il cocktail viene aromatizzato con una punta di Survivor). Gran finale con “A Little Love Is Overdue”, firmata da Chris Winter: con le sue tinte r&b sul telaio di robusto AOR non può che ricordare analoghe stesure dei Distance.

Robert Hart’ è stato ristampato nel 2013 dalla Escape come doppio CD assieme al primo album 'Cries and Whispers' ma questa ristampa risulta più rara e cara dell'edizione originale, che se pure non gira in quantità tra eBay e Amazon di solito viene offerta a prezzo onesto: per chi ama il grande AOR di fine anni ’80 e la voce camaleontica del suo artefice, è un acquisto quasi obbligato.