RECENSIONI IN BREVE

 

HARD BLUES DEPARTMENT

SHADOWQUEEN "Living Madness"

Per questo secondo album, gli Shadowqueen cambiano leggermente la formula del loro hard rock: vocals e scansioni ritmiche decisamente moderne ma un riffing che guarda spesso e volentieri agli anni ’70, con frequenti sconfinamenti nello stoner. In definitiva, una convincente miscela di classico e moderno, sempre abbastanza ruvida, su cui regna la sempre bellissima voce di Robbi Zanna: consigliato.

INDICE

Autoproduzione - 2017

 

HARD BLUES DEPARTMENT

GARY JEFFRIES "I Ain't Done Yet"

Il southern rock di Gary Jeffries (chitarrista con un passato in Alligator Stew, The Regulators, Asphalt Ballet) è modellato sui più classici standard del genere: Skynyrd, Allmann, Outlaws, mentre Georgia Satellites e Delta Rebels sembrano offrire il modello per le parti vocali sempre un po’ sopra le righe di Gary. L’originalità, insomma, non abita da queste parti, e anche se qualche canzone risulta troppo lunga o decisamente superflua, ogni scusa per fare una puntata verso il Sud del rock è bene accetta, almeno a me.

INDICE

Gator Jaws Records - 2017

 

HARD BLUES DEPARTMENT

KING KING "Exile & Grace"

Exile & Grace’ è il quarto album di studio di questa ottima band britannica e nonostante sia un eccellente prodotto discografico, mi pare un po’ meno efficace del penultimo ‘Reaching For The Light’. Il loro hard rock ha sempre i Bad Company come fondamentale punto di riferimento, ma in ‘Exile…’ sento una presenza maggiore dell’organo Hammond che in passato e qualche strizzata d’occhio ai Thunder di troppo. Bella la digressione funky e decisamente Free di “Heed The Warning” e sempre apprezzabili le loro interpretazioni del sound della band di Paul Rodgers, in tutte le sue declinazioni, eppure il livello generale mi sembra non raggiunga quello di ‘Reaching For The Light’: non ci sono filler (in ‘Reaching…’ ce n’erano un paio) ma neppure picchi strepitosi nel songwriting (che in ‘Reaching…’ abbondavano). Per chi ama il rock fascinoso dei Bad Company, i King King restano comunque una priorità.

INDICE

Manhaton Records - 2017